Poesia - Lucia Di Iulio - POESIA

Vai ai contenuti

Menu principale:

Poesia - Lucia Di Iulio

Vetrina degli Autori

Amante della poesia e di ogni forma d'arte vive serena in un paradiso creato di fantasia e piccole realtà quotidiane, cogliendo le note armoniose della natura le trasforma in musica e rime,  fiabe e racconti,canzoni che fanno da colonna sonora alla sua vita.
(la critica dice: ...la poesia di Lucia Di Iulio scaturisce da una fresca ispirazione, che e' poi la sua risultante di una profonda sensibilità di una continua ricerca interiore, di una meditazione tra dubbio e speranza , la ricerca di un passaggio verso il domani verso la fede, verso la vita....la lirica di profonda religiosità, da richiamare alla struttura mentale e mistica della lauda francescana....l'armonia del canto, ma anche la domanda più corposa di un contatto diretto tra l'uomo e Dio, che fu propria di Jacopone da Todi... seguono altri oggetti visitati in un coacervo di singoli e illuminazioni del pensiero e della memoria atti ad evidenziare l’essenza significativa e la sussistenza per giocarle entrambe entrambe sul filo dell’anelito poetico … “A. Mancuso”)

Lucia Di Iulio
libro Parlo per te

Nata a Castellammare di Stabia (Napoli), vive e lavora da anni in provincia di Milano, in un  tranquillissimo paesino, Triginto di Mediglia , ha pubblicato nel 1987 il suo primo libro,  un romanzo in poesia, "Parlo per te" (poesie intimistiche di vita vissuta) che ha avuto un notevole successo di critica e di pubblico, un suo secondo libro "Cuore tra le rocce" e' in corso di stampa. Ha partecipato a diversi concorsi  letterari, ottenendo ambiti riconoscimenti. Sue poesie sono presenti in prestigiose antologie, ultime sono 2 antologie con i Poetixcaso i cui proventi vanno in opere di beneficenza Una delle sue ultime passioni e’ internet con il nik nome Beldanubioblu  Crea http://groups.msn.com/RicordiPoesie/_whatsnew.msnw gestisce , amministra, e collabora  con moltissimi siti di “arte & Cultura, uno dei più grandi è www.poetixcaso.it,anche in parte ha il compito di curarne i contatti sociali  organizzare  raduni e incontri con ampia partecipazione e coinvolgimento di pubblico prova ne sono quelli del 2003/2004 in questo ultimo con una solenne manifestazione e’ stata consacrata una statua di pietra della  Vergine e la Valle del Giovenco, nel noto parco nazionale degli Abbruzzi e’ stata rinominata “Valle dei poeti” è stata presentata anche l'ultima antologia "Dipinto di parole” ed. Nuovi Poeti.



L'ALBERO DI NATALE
(Poesia presente nell'antologia Poeti x caso,
ed. 2002)

Natale,
freddo, neve, gelo
nel mese dell'addio
all'anno che va via
nel mondo dei ricordi
nel mese in cui ognuno
ha tanta nostalgia.
Natali ormai remoti
svegliati dal rimpianto
voglia di ritornare
ad essere bambini
la festa del Natale
favola immortale
ha il magico potere
di diventar reale
e così gli alberi spogli,
senza più foglie
si addobbano di stelle
di luci colorate
per rischiarare il buio
bisogno di calore
voglia di sole
la gente sconosciuta
per strada si saluta
si scambiano regali
scoprendo la gran gioia
che dà il poter donare.
Questo calore umano
fa germogliar il seme
nascosto in tutti i cuori
nel mese di Dicembre
così per un incanto
sparisce freddo e gelo
sotto la neve sciolta
s'alza in un baleno
L'ALBERO DI NATALE.


STELLA CADENTE
(Poesia presente nell'antologia Voci del Duemila - I Poeti del Terzo Millennio,
ed. 2001)

Dormono tutti dopo un gran baccano
radio, giochi, tele tutto è finito
ma lei che porta fuori il micio
s'attarda ancora un poco sul balcone.

Lenta si siede, appoggia il capo indietro
si lascia ninar da una canzone
cantan le rane e il rombo dei motori
molto lontano…
ha il cuore greve ed un pensier costante
guarda su in cielo una marea di stelle
come una maga interroga… si chiede
ne localizza una solitaria
e pensa: ah! come sei lontana…
cerca il suo Dio in tutto quel creato
si sente piccola ma con un grande cuore
lei sa d'essere nata da un atto d'amore
cerca conforto e un po' di comprensione
prega la stella di darle una ragione
si sente come un granellin di sabbia
"Ti prego Dio fa' che mai mi perda
in questa immensa spiaggia di sapienza
fa' che non mi sollevi il vento dell'indifferenza
che sento intorno a me, dammi speranza
dammi conferma della Tua esistenza".

La stella pulsa, brilla come un faro
lenta si stacca e va a cader lontana
portandosi con sé quel peso al cuore
lasciandola tranquilla con un sorriso
si sente amata da quell'universo
sente presenze vive dappertutto
persin sul viso soffiare calde carezze
non è la luna che guarda dall'alto
è solo il micio suo che è ancora in braccio.



La proprietà Letteraria dei testi pubblicati appartiene all'Autrice - La riproduzione è vietata

Torna ai contenuti | Torna al menu